seguici su Facebook seguici su Twitter

Blog Post

SET
22
2010

Lasciati trasportare in Autunno con il treno in Lunigiana

Si tratta di appuntamenti – ha dichiarato l’assessore provinciale ai trasporti, Sara Vatteroni rivolti a rendere maggiormente fruibili e più noti i territori della Lunigiana. I treni speciali sono delle iniziative finalizzate ad incrementare, anche in modo sostenibile, i flussi turistici all’interno della Lunigiana. I treni speciali vogliono anche essere uno stimolo per nuove opportunità di business; speriamo infatti che in futuro, visto l’alto successo di presenze per questo genere di iniziative, si presentino dei soggetti privati disposti a gestire in prima persona questi treni-evento che oggi sono sostenuti al 70% da contributi pubblici”.

Con “ I treni d’autunno”  si rinnova l’esperienza ed il successo di iniziative, già sperimentate dalla Provincia di Massa-Carrara, che legano eventi culturali e gastronomici ad un progetto di mobilità sostenibile. Sono due gli appuntamenti che tra la fine di settembre e la prima metà di ottobre permetteranno, attraverso la realizzazione di due treni storici, di portare turisti e visitatori dalla costa, partendo dalla stazione di Viareggio, all’entroterra Lunigianese.

La prima data da segnare sul calendario è il 26 settembre con “Il treno della cultura” in occasione della “Bancarella della cucina” di Pontremoli. In quella giornata, sempre a Pontremoli, è in programma un  Workshop che si terrà al teatro La Rosa e sarà un’occasione per discutere su come rendere maggiormente accessibili e fruibili i borghi ed i territori della Lunigiana.

Il secondo appuntamento è in programma per domenica 10 ottobre con “Il treno delle castagne”, in occasione della rassegna “La castagna racconta” di Licciana Nardi.

L’iniziativa rientra all’interno del progetto transfrontaliero europeo “No far access” di cui è partner  la provincia apuana assieme a quelle di Livorno, Lucca, La Spezia, Cagliari e al Dipartimento della Corsica del sud: scopo del progetto è quello di incrementare attraverso una serie di iniziative,  l’accessibilità delle aree dell’entroterra caratterizzate dalla presenza di elementi di eccellenza di tipo ambientale, architettonico, paesaggistico e naturalistico.

Il progetto prevede la valorizzazione delle aree dell’entroterra, caratterizzate da aree naturalistiche di eccellenza, in grado di implementare un’offerta integrata del patrimonio locale, circuiti turistici ad elevato flusso di visitatori, sistemi di trasporto pubblico sostenibili a basso impatto ambientale.

Autore

Scrivi una risposta