seguici su Facebook seguici su Twitter

Blog Post

OTT
12
2010

Il treno delle castagne – Licciana Nardi

Tutto esaurito per il secondo Treno d’Autunno

Circa 150 persone alla scoperta della Lunigiana.

Ha registrato il tutto esaurito il Treno della Castagna, seconda iniziativa promossa dalla Provincia di Massa Carrara, Assessorato ai Trasporti ed organizzata dall’Agenzia Turistica delle 5 terre, all’interno del ciclo dei Treni d’Autunno.

Il Treno, finanziato dal progetto dell’Unione Europea No Far Access, è partito da Viareggio alle ore 9.00 della mattina alla volta della Festa della Castagna di Licciana Nardi. Erano circa 150 i passeggeri presenti, accompagnati dalle guide di Legambiente e da altre guide specializzate per i turisti diversamente abili: molte le famiglie e le coppie di giovani e meno giovani che hanno aderito a questa iniziativa di turismo alternativo.

Dopo il viaggio con il treno storico fino ad Aulla la comitiva ha proseguito il percorso in autobus fino a Licciana Nardi dove ha trovato ad attenderla un banchetto a base di prodotti tipici. Dalla classica “pattona”, ai “cian” (o necci) di farina di castagne della Lunigiana DOP cotti nei testi, alle  mondine ed i castagnacci, i turisti hanno potuto degustare i sapori della Lunigiana prima di procedere alle visite culturali nei pressi di Licciana.

Prima di fare rientro alla stazione ferroviaria i turisti hanno potuto, infatti, visitare l’Abbazia di San Caprasio, recentemente restaurata con grande maestria ed i laboratori delle donne di Licciana Nardi che attraverso il lavoro sul design e la manualità hanno riportato in vita antichi mestieri e recuperato e ravvivato così fondi e locali del comune lunigianese. 

Una giornata all’insegna dello stare insieme, della buona cucina e di un ritmo lento che ha perfettamente declinato il motto della campagna Lasciati trasportare che caratterizza le iniziative della Provincia di Massa Carrara all’interno di No Far Access e che rimanda al sito  www.lasciatitrasportare.com dove presto si potranno trovare i programmi dei prossimi treni di primavera.

Autore

Scrivi una risposta