seguici su Facebook seguici su Twitter

Blog Post

OTT
22
2011

La Clause de l’Européenne la plus favorisée: PETIZIONE EUROPEA per estendere le migliori leggi a tutte le donne, circa 200 milioni in Europa, indipendentemente dal Paese di residenza.

relatori choisir milanoNel mese di settembre l’Italia dei Valori ha organizzato due convegni a Milano e a Palermo e sono stati l’occasione per il lancio ufficiale della petizione di cui l’Italia dei Valori, unico partito in Italia, si impegna a promuovere in qualita’ di portavoce istituzionale in tutte le sedi e in tutti i territori, per l’estensione delle migliori leggi alle donne europee.relatori choisir palermo 30 sett 2011

Grazie alla rete tra associazioni è stato possibile conoscere e tradurre in italiano e con il contributo del ELDR, la Ricerca dell’associazione francese Choisir la Cause des Femmes (fondata negli anni ’70 da Simone de Beauvoir, Gisèle Halimi e dal premio Nobel Jacques Monod), che ha analizzato le legislazioni di genere dei ventisette paesi europei, scegliendo poi un bouquet di provvedimenti di eccellenza, nei cinque ambiti della vita di una donna e non stupisce, che tra i quattordici provvedimenti, nessuna legge italiana sia stata scelta.

Agli incontri hanno partecipato:  Madame Gisèle Halimi, Presidentessa dell’associazione Choisir la Cause des Femmes, avvocata, da decenni impegnata nella difesa dei diritti delle donne, che dal lontano 1979 è impegnata nella realizzazione di ciò che alcuni definiscono “ utopia”, e cioè trasporre l’ideale dell’unità tra le donne d’Europa partendo dall’alto, con un progetto legislativo comune.

In ogni incontro erano presenti esponenti dell’Italia dei Valori, Giuliana Carlino,

niccolò rinaldi sara vatteroni choisir milano

Leoluca Orlando, Niccolò Rinaldi, Sara Vatteroni in qualità di esperta di politiche di genere e responsabile per il coordinamento regionale delle Donne Toscano della petizione e rappresentanti delle istituzioni europee e locali.

” L’iniziativa – ha commentato Leoluca Orlando – costituisce un contributo a confermare la scelta di laicità ed europeista di Italia dei Valori e a contrastare lo scandalo etico della mortificazione dei diritti delle donne. Con tale iniziativa, Italia dei Valori contribuisce a rafforzare il processo di costruzione della cittadinanza europea, che rischia di essere mortificata da importanti ma non sufficienti scelte di natura finanziaria ed economica”.

relatori choisir palermo 30 sett 2011

Le 14 leggi scelte tra le varie legislazioni europee tradotte in italiano in una pubblicazione finanziata dall’ELDR, riguardano gli aspetti fondamentali della vita delle donne: procreazione, famiglia, welfare, rappresentanza, politica, violenza maschile, prostituzione. L’Italia dei Valori si impegna a far conoscere anche in Italia la Petizione europea, già in atto in alcuni Paesi, per la quale sono necessarie un milione di firme. L’intento è sensibilizzare la Commissione Europea ad esprimere un orientamento verso gli Stati membri al fine di realizzare politiche unitarie ed armoniose per la realizzazione di una cittadinanza europea che estenda tutele e diritti già conquistati in alcuni Paesi, ma non ancora recepiti in altri.

Ora più che mani è indispensabile contrastare la netta controtendenza del nostro Paese rispetto ad un’Europa che, almeno sul terreno delle leggi e dei diritti, ha continuato e continua per fortuna ad andare avanti. Non è quindi fuori luogo, né fuori agenda promuovere consapevolezza e attivare tutti gli strumenti a disposizione per occuparsi della questione femminile, ora più che mai, nel nostro Paese scosso da una crisi senza precedenti.

Autore

Scrivi una risposta