seguici su Facebook seguici su Twitter

Blog Post

NOV
17
2012

“VOGLIO UN PARTITO DELLA GENTE CORAGGIOSO EVANGELISTI, ORA SI APRE NUOVA FASE”

“ Quello che sta succedendo intorno e al centro dell’ IdV non ci spaventa anzi ci rafforza. Il nostro obiettivo adesso è far conoscere il “nuovo” partito, luogo di partecipazione e sintesi politica delle molte istanze che vengono dalla società civile, dai movimenti alle associazioni e soprattutto dal 40% di astensionismo”. E’ questo il commento di Sara Vatteroni – responsabile Dipartimento Democrazia Paritaria Nazionale – a margine delle tante polemiche che hanno investito l’Italia dei Valori, ma anche dell’intervista rilasciata dall’On fabio Evangelisti al quotidiano Pubblico, in cui annuncia la sua candidatura alla segreteria nazionale del partito, ribadendo il suo addio alla camera. “Voglio che l’IdV recuperi il rapporto eletto elettore- continua la Vatteroni- non nell’ottica del clientelismo ma in quella dell’incontro tra il cittadino e le istituzioni mediato dalla rappresentanza democratica di un partito “della gente”. Quindi meno comunicato ermeneutico per gli addetti ai lavori e più respiro ed aria fresca per chi ancora ha fiducia nella democrazia”. “L’intervista dell’On evangelisti_ continua la Vatteroni_ rappresenta un riconoscimento della capacità e della forza della classe dirigente e degli amministratori della Toscana del nostro partito. Prendo atto del coraggio di aver deciso, per coerenza, di non fare più il parlamentare adesso e in futuro per dedicarsi totalmente a questa battaglia nazionale. E’ un sintomo di trasparenza e contribuirà a rafforzare il partito”. “Ieri la presenza del Presidente Di Pietro_ conclude Sara Vatteroni riferendosi all’incontro avvenuto venerdì con i balneari della Versilia _ ha avviato una nuova fase che darà vita a un processo di partecipazione che parte dalla classe dirigente ma nel contempo ritorna a parlare al territorio. Un processo che avvierà una nuova fase all’assemblea di dicembre e che farà emergere una nuova classe dirigente, cresciuta, più matura e che ha amministrato in un rapporto di correttezza e di rispetto dell’identità reciproca con il partito democratico, con cui in questi anni abbiamo costruito un argine al berloscunismo e domani potrà rappresentare un alternativa di governo al centro destra”.

COMMENT : 0
Autore

Scrivi una risposta